Urbino – Sabato 17 novembre la danza a teatro “La morte e la fanciulla”

Urbino - Teatro SanzioURBINO – Sabato 17 novembre prosegue al Teatro Sanzio di Urbino la stagione promossa dal Comune con l’AMAT. In scena la danza con La morte e la fanciulla della storica e talentuosa Compagnia Abbondanza Bertoni che partendo dal capolavoro musicale di Schubert mescola coreografia e video in uno spettacolo riuscitissimo di rara bellezza, vincitore del Premio Danza & Danza 2017 come migliore “Produzione italiana”.

 In scena tre differenti “capolavori”. Uno musicale: il quartetto in re minore La morte e la fanciulla di Franz Schubert. Uno fisico: l’essere umano nell’eccellenza delle sue dinamiche. Uno spirituale-filosofico: il mistero della fine e il suo continuo sguardo su di noi.

“Il nostro pensiero – si legge nelle note allo spettacolo di Michele Abbondanza e Antonella Bertoni – torna a posarsi sull’umano e ciò che lo definisce: la vita e la morte; l’inizio e la fine sono i miracoli della nostra esistenza, così come l’impermanenza dell’essere con le sue forme continuamente mutanti. Questo transitare da una forma all’altra, ha a che fare con l’arte coreutica: portatrice di un tale compito, è essa stessa un balenare di immagini che appaiono e scompaiono continuamente; per questo abbiamo indugiato proprio su quell’aspetto che potremmo definire “crepuscolare” della danza, colta, nelle nostre intenzioni, proprio nel suo attimo impermanente e transitorio. Un esempio di scrittura musicale che aspira all’infinito e accompagna l’ascoltatore oltre un’idea razionale, verso l’ignoto e il trascendente. Abbiamo cercato di capire, di aprire, come chirurghi, il corpo di questa scrittura per scrutarne i vuoti, gli spazi cavi e mai come questa volta comporre è assomigliato a un eterno precipitare, a un fuggire da ogni fine e da ogni senso”. Read more

Urbino – Conferenze e spettacolo per la “Giornata Internazionale contro la Violenza sulle Donne”: dal 22 al 24 novembre

Canto della mia nuditàURBINO – In occasione della Giornata Internazionale contro la Violenza sulle Donne, l’Assessorato alla Pari Opportunità del Comune di Urbino organizza una serie di “conferenze–dibattito” rivolte agli studenti delle scuole medie (22-23-24 novembre) e uno spettacolo di danza musica e poesia che si terrà  il 24 novembre al Teatro Sanzio.

Il programma delle tre giornate ha lo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica sul bisogno di crescita civile della  comunità, puntando a mettere al bando ogni tipo di violenza,  oltre che riconoscere a tutti i cittadini il diritto alla piena attuazione della parità. L’iniziativa vuole trasmettere un messaggio di solidarietà e supportate tutti coloro che ogni giorno combattono la violenza di ogni genere.

Le “conferenza-dibattito” saranno incentrate sul tema delle violenze subite dalle donne nella società contemporanea. Il 22 novembre l’incontro si terrà dalle 10.30 alle 12.00 nella la Scuola Media di Gallo di Petriano;    il 23 novembre dalle 9.00 alle 11.00 nella Scuola Media “Pascoli” di Urbino;    il 24 novembre dalle 8.30 alle 10.30 nella Scuola Media “Volponi” di Urbino.  I relatori saranno: Maria Adelaide Donarelli, Dirigente medico U.O. di Pronto Soccorso dell’Ospedale di Urbino, e Valentina Contento, Psicologa.

 Sabato 24 novembre alle 21.00 nel Teatro Sanzio è quindi in programma lo spettacolo di danza, musica e poesia dal titolo “Canto della mia nudità”.

 

Urbino – Da novembre ad aprile le nuove regole di accesso e sosta nella ZTL

Teatro UrbanoUrbino – L’Amministrazione Comunale ricorda che dal mese di novembre fino al 30 aprile la fascia oraria pomeridiana di libero accesso alla Ztl è dalle ore 18.00 alle 24.00.  L’accesso è consentito da tutti i varchi, compreso il varco 1 di via Matteotti. La sosta è autorizzata esclusivamente negli stalli di colore bianco, senza disco orario.

 Rimane invariata la regolamentazione della fascia mattutina: acceso consentito dalle 8,30 alle 10,30 dai varchi 2, 3 e 4 (escluso il varco 1 di via Matteotti); sosta negli stalli di colore bianco con disco orario di 60 minuti.

Gli orari di apertura della Ztl sono validi soltanto nei giorni feriali, l’accesso è sempre escluso nei festivi. Le attuali disposizioni saranno indicate dall’apposita segnaletica verticale posta all’ingresso di ogni varco di accesso al centro storico.

Si raccomanda di rispettare gli orari di accesso e la sosta negli appositi spazi al fine di evitare spiacevoli sanzioni.

Urbino – Il 13 dicembre a teatro la danza: “Romeo y Julieta Tango”

Urbino - Teatro SanzioUrbino  – Prosegue la stazione del Teatro Tanzio. Luciano Padovani e la compagnia Naturalis Labor portano in scena il 13 dicembre un omaggio in danza a William Shakespeare, Romeo y Julieta Tango: la maestria del coreografo vicentino si esprime al meglio in questa tragedia con un repertorio musicale che comprende Piazzolla, Speranza, Calo, Mores, Quartango, Rachel’s, Sollima, Purcell, Westhoff.

Una scommessa per il coreografo Luciano Padovani che nel corso di questi anni ha firmato numerose creazioni di tango e danza segnando spesso il sold out in vari teatri italiani. Romeo y Julieta Tango porta in scena il dramma shakespeariano e lo racconta attraverso il linguaggio della danza e del tango. Con la musica dal vivo per Cuarteto Tipico Tango Spleen in scena dodici straordinari interpreti. Danzatori e tangueros argentini danno vita ad uno spettacolo raffinato e coinvolgente.

Funziona questa versione tanguera dell’eterna storia di Romeo e Giulietta, che il vicentino Luciano Padovani ha creato per la compagnia Naturalis Labor. La celeberrima storia è asciugata al massimo anche nelle caratterizzazioni dei personaggi, tanto da affidare a un uomo e a una donna i ruoli dei fatali amici di Romeo e Giulietta: ben fatto, considerata la natura rigorosa e sintetica del tango, che riesce da solo a raccontarci non solo erotici languori, ma tensioni conflittuali. Solo gli amanti si muovono con gli slanci energici e gli avviluppi poderosi della danza contemporanea, specie nella scena del balcone ben risolta, grazie anche all’intelligente allestimento scenico (un grande portone, sovrastato da una piccola finestra, da cui Giulietta si cala) e ben illuminata dalle inconfondibili luci di Carlo Cerri. La loro danza ha coloriture emozionali più palpitanti, ovviamente: ma è ben calibrato, senza soluzione di continuità, il fluire nelle salide tanguere quando i due si confondono e si moltiplicano simbolicamente nelle altre coppie. Silvia Poletti, “Danza & Danza”

 

 

Urbino – Le Vie dei Presepi: 8 dicembre 2018 / 6 gennaio 2019

Urbino _Vie Presepi  Le Vie dei Presepi 2018-19 giungono alla 18 esima edizione. Come da collaudata formula, le natività saranno sparse lungo vie e vicoli del centro storico in chiese, vetrine e palazzi. Quattro punti principali al coperto invece, visitabili con biglietto unico (gratis under 14), conterranno i presepi di maggior pregio, per un totale di circa duecento opere, tra piccole e mastodontiche. Dopo il successo dell’anno scorso, via Valerio è confermata con i palazzi Odasi, Comunale e sala Vecchiotti, tutti ambienti antichi e suggestivi. New entry, il centralissimo palazzo Ubaldini-Boghi, situato tra Palazzo Ducale e San Domenico, a fare da quarto punto principale. Infine, una nuova e speciale convenzione permetterà ai possessori del biglietto delle Vie dei Presepi di visitare lo splendido Oratorio di San Giuseppe (dov’è conservato il presepe del Brandani, la natività in stucco a grandezza naturale più antica del mondo) pagando il biglietto ridotto. Read more

Urbino – Ecco la Stagione 2018 – 2019 del Teatro Sanzio

Urbino - Teatro Sanzio Urbino – Commedie, danza, testi classici e contemporanei, esperienze del territorio e teatro ragazzi: quindici appuntamenti compongono il cartellone del Teatro Sanzio di Urbino per la stagione 2018/19 promosso dal Comune di Urbino con l’AMAT e realizzato con il contributo della Regione Marche e del MiBAC.

Apertura di stagione il 22 ottobre con Non mi hai più detto… ti amo!, una commedia con Lorella Cuccarini e Giampiero Ingrassia ironica, intelligente, appassionante, cucita addosso ai due protagonisti, istrionici, esilaranti e straordinariamente affiatati diretti da Gabriele Pignotta, anche autore del testo, capaci di regalare allo spettatore momenti di assoluto divertimento e grandissima emozione.

Il 6 novembre il Teatro Sanzio accoglie I Miserabili di Victor Hugo nell’adattamento di Luca Doninelli e la regia di Franco Però, con protagonista nel ruolo di Jean Valjean Franco Branciaroli accompagnato da un eccellente e numeroso cast d’interpreti. “I Miserabili – sottolinea Luca Doninelli – appartengono non solo alla storia della letteratura, ma del genere umano, come l’Odissea, la Divina Commedia, il Don Chisciotte o Guerra e Pace”.

Luciano Padovani e la compagnia Naturalis Labor portano in scena il 13 dicembre un omaggio in danza a William Shakespeare, Romeo y Julieta Tango: la maestria del coreografo vicentino si esprime al meglio in questa tragedia con un repertorio musicale che comprende Piazzolla, Speranza, Calo, Mores, Quartango, Rachel’s, Sollima, Purcell, Westhoff. Read more

Urbino – Nelle sale del Castellare di Palazzo Ducale la mostra “Gesamtkunstwerk: Pelagio Palagi e Gioachino Rossini”

Rossini 150URBINO – Si intitola “Gesamtkunstwerk: Pelagio Palagi e Gioachino Rossini” la sezione di Urbino della mostra dedicata  alle celebrazioni dei 150 anni dalla morte di Rossini.  L’esposizione curata da Vittorio Sgarbi, allestita nelle Sale del Castellare di Palazzo Ducale, presenta una figura emblematica dell’Ottocento italiano, Pelagio Palagi (Bologna, 1775 – Torino, 1860). Circa 50 opere (in gran parte inedite), tra disegni, dipinti di storia e ritratti, consentono di apprezzare la straordinaria ricchezza creativa dell’artista bolognese, grande interprete dell’arte del suo tempo, tra neoclassicismo e romanticismo. Opere provenienti dalla Collezioni d’Arte e di Storia della Fondazione Carisbo, dalla Fondazione Cavallini Sgarbi, oltre che da gallerie e raccolte private.

Come sarà per Gioachino Rossini, Palagi viene apprezzato nei centri più vivi della cultura italiana: nella sua lunga e brillante carriera lavora con successo – oltre che a Bologna e Roma – anche a Milano, dove rimane diciassette anni (dal 1815), e a Torino, raggiunta nel 1832 su invito del re Carlo Alberto di Savoia. Nella città sabauda, dove risiede fino alla morte, si distingue come artista “totale”, operando in vari campi: dall’architettura, alla decorazione di interni, alla pittura, alla progettazione di mobili e arredi.

Affinità elettive e storie che si incrociano. Nel 1804 la famiglia di Rossini si trasferisce a Bologna, dove Gioachino prende lezioni di canto; nell’autunno del 1805 il tredicenne compare in scena nel Teatro del Corso, nella parte del piccolo Adolfo nella Camilla di Ferdinando Paer. Palagi, allora trentenne, dimorava e lavorava ancora a Bologna: decide infatti di trasferirsi a Roma due anni dopo, nel 1806, motivato dal desiderio di studiare l’antico e di confrontarsi con il linguaggio del neoclassicismo internazionale. Read more

Urbino – La mostra “Rossini 150″ nelle Sale del Castellare

Rossini 150Grande evento dell’estate 2018 a Pesaro, Urbino e Fano, nelle Marche, dal 12 luglio al 18 novembre, la mostra diffusa “Rossini 150” rende omaggio ad uno dei più importanti compositori della storia a partire dai legami con la sua terra di origine.

Nell’anno delle celebrazioni per i 150 anni trascorsi dalla morte di Gioachino Rossini (Pesaro 29 febbraio 1792 – Parigi 13 novembre 1868), dichiarato per legge “anno rossiniano”, l’esposizione è stata ideata dal Comitato Promotore delle Celebrazioni Rossiniane, è promossa da Comune di Pesaro, Comune di Urbino, Comune di Fano, in collaborazione con la Regione Marche, e organizzata da Sistema Museo.

URBINO Palazzo Ducale, Sale del Castellare

Gesamtkunstwerk: Pelagio Palagi e Gioachino Rossini a cura di Vittorio Sgarbi

La mostra “Rossini 150” a Urbino, Sale del Castellare di Palazzo Ducale, dal titolo “Gesamtkunstwerk: Pelagio Palagi e Gioachino Rossini”, è curata da Vittorio Sgarbi che ha scelto di presentare una figura emblematica dell’Ottocento italiano, Pelagio Palagi (Bologna, 1775 – Torino, 1860).

Circa 50 opere (in gran parte inedite), tra disegni, dipinti di storia e ritratti, consentono di apprezzare la straordinaria ricchezza creativa dell’artista bolognese, grande interprete dell’arte del suo tempo, tra neoclassicismo e romanticismo. Opere provenienti dalla Collezioni d’Arte e di Storia della Fondazione Carisbo, dalla Fondazione Cavallini Sgarbi, oltre che da gallerie e raccolte private. Read more

“Rossini 150″: a Pesaro, Urbino e Fano il grande evento dell’estate. Dal 12 luglio

Rossini 150 Grande evento dell’estate 2018 a Pesaro, Urbino e Fano, nelle Marche, dal 12 luglio al 18 novembre, la mostra diffusa “Rossini 150” rende omaggio ad uno dei più importanti compositori della storia a partire dai legami con la sua terra di origine.

Nell’anno delle celebrazioni per i 150 anni trascorsi dalla morte di Gioachino Rossini (Pesaro 29 febbraio 1792 – Parigi 13 novembre 1868), dichiarato per legge “anno rossiniano”, l’esposizione è stata ideata dal Comitato Promotore delle Celebrazioni Rossiniane, è promossa da Comune di Pesaro, Comune di Urbino, Comune di Fano, con il contributo della Regione Marche, ed è organizzata da Sistema Museo.

Un progetto inter-istituzionale che conferma una proficua visione allargata e condivisa nella promozione territoriale – già sperimentata e avvalorata dal successo della precedente mostra diffusa “Rinascimento Segreto” – in grado di favorire la costruzione e l’affermazione di un’identità forte, la valorizzazione dei beni culturali e l’incentivazione del turismo.

L’evento si avvale inoltre dell’importante collaborazione con la Fondazione Gioachino Rossini, il Conservatorio Statale di Musica “Gioachino Rossini”, il Rossini Opera Festival, l’Ente Olivieri – Musei e Biblioteca Oliveriana, istituzioni pesaresi, e con l’Accademia dei Musici e il Museo del Pianoforte Storico e del Suono di Fabriano, città di notevole interesse culturale, colpita dall’ultimo sisma, che merita di essere riscoperta.

Articolato in tre sedi, il percorso “Rossini 150” mantiene una omogeneità di fondo ed esplora aspetti particolari della vita, dell’opera, dei luoghi e più in generale del tempo di Rossini. L’allestimento suggestivo e originale offre al visitatore un’esperienza unica. Un viaggio nel mondo rossiniano per scoprire la figura del maestro nella versione più completa e autentica possibile.

Read more

Urbino – In attività il trenino turistico

Trenino tursistico_UrbinoDa sabato 17 marzo è tornato a Urbino il trenino turistico che percorre il centro storico, facendo scoprire ai visitatori i punti più suggestivi della città.  Durate il tragitto è possibile ascoltare una audio guida in otto lingue (italiano, inglese, francese, spagnolo, tedesco, portoghese, russo e cinese) attraverso l’utilizzo di auricolari monouso. Il punto di partenza è  Piazza Rinascimento. Il servizio inizia alle ore 10.00.

Queste sono le tariffe: 3,00 € bambini dai 4 ai 12 anni; 8,00 € adulti; 20,00 € promo famiglia (2 adulti e 2 bambini).  Per info & prenotazioni: tel. 380-3887486 / e-mail: info@city-explorer.it / sito web: www.city-explorer.it

PERCORSO  TRENINO TURISTICO URBINO EXPLORER: 

PIAZZA RINASCIMENTO (partenza) – via Saffi – via Matteotti – via delle Mura – via Battisti – via dei Morti – porta Santa Lucia – via Gramsci – via Giro dei Debitori – via Virgili  – via del Popolo – Piazzale Roma – via Raffaello Sanzio – via Mazzini – Borgo Mercatale – via Laurana (SS.73 bis di Bocca Trabaria) – via Matteotti – via Salvalai – via Saffi – Piazza rinascimento (arrivo).