Urbino – Il 30 aprile le auto d’epoca della Rotary Coast to Coast

Rotary Coast to CoastCOAST TO COAST 2017  

URBINO – Arriva la sesta edizione della “Rotary Coast-to-Coast“, raduno a livello nazionale di rotariani appassionati di auto d’epoca. Quest’anno l’evento è iniziato con il raduno dei partecipanti all’Isola d’Elba il 26 aprile, per poi raggiungere Urbino, e terminare con una cena di Gala all’interno del Palazzo Ducale il 30 aprile. Le auto che partecipano alla manifestazione domenica 30 aprile sosteranno in Piazza Rinascimento, dalle ore 10.00 circa.
Esistono già diverse manifestazioni organizzate ogni anno da numerosi Rotary Club (www.araci-italia.it) ma questa è quella di maggior durata e di più lungo percorso. Read more

Urbino _ A teatro torna “Divinissimo”

Divinissimo Dopo il successo dello scorso marzo – quando lo spettacolo ha aperto in grande stile le Celebrazioni Raffaellesche 2017 – giovedì 4 maggio alle 21:00, al Teatro Sanzio di Urbino, torna in scena Divinissimo, frutto di una co-produzione di Centro Teatrale Universitario Cesare Questa e Accademia Raffaello, in collaborazione con Comune di Urbino, Università degli Studi di Urbino Carlo Bo e AMAT.

A curare la scrittura del soggetto, la drammaturgia e la regia è Michele Pagliaroni, giovane Direttore artistico del CTU Cesare Questa.

Divinissimo non intende raccontare Raffaello da una prospettiva biografica, ma catturarne il mito di riflesso, attraverso un soggetto originale che, tra storia e scrittura poetica, prende le mosse dalle suggestioni legate alla celebre Loggia di Psiche di Villa Farnesina a Roma. Read more

URBINO – Iscrizione per la Werkplaats Typografie / ISIA Urbino Summer School 2017

ISIAAperte le iscrizione per la Werkplaats Typografie / ISIA Urbino Summer School 2017

La Summer School organizzata da Werkplaats Typografie (ArtEZ), Arnhem, Paesi Bassi e ISIA Urbino è arrivata alla nona edizione.

Siamo alla ricerca di (giovani) professionisti e studenti nel campo della progettazione (grafica) e pratiche attinenti (come la scrittura, la fotografia, l’illustrazione, l’editoria) ma anche dell’arte, dell’architettura e altre discipline teoriche. Durante il workshop, della durata di due settimane, i partecipanti saranno seguiti da docenti provenienti da entrambe le istituzioni. Read more

“Rinascimento segreto”: con Vittorio Sgarbi alla scoperta di capolavori mai visti

Rinascimento segreto - Secret renaissanceLe città di Urbino, Pesaro e Fano rendono omaggio al Rinascimento promuovendo una grande mostra a cura di Vittorio Sgarbi allestita dal 13 aprile al 3 settembre in tre sedi: Palazzo Ducale, Sale del Castellare, a Urbino; Museo Archeologico e Pinacoteca del Palazzo Malatestiano, Sala Morganti, a Fano; Musei Civici di Palazzo Mosca a Pesaro.

La mostra è promossa da Comune di Urbino, Comune di Pesaro e Comune di Fano, con il patrocinio e contributo della Regione Marche, dell’Assessorato alla Cultura della Provincia di Pesaro e Urbino e dell’Anci Marche. La produzione è affidata a Sistema Museo (partner Marche multiservizi).

Nelle tre sedi sono esposte oltre ottanta opere, tra dipinti e sculture, disegni e oggetti d’arte dallinizio del Quattrocento alla metà del Cinquecento, di proprietà di fondazioni bancarie, istituzioni e collezionisti privati con l’obiettivo di valorizzare, come indica il titolo stesso, un patrimonio artistico quasi sconosciuto (perché non esposto nei musei pubblici), e al contempo creare un dialogo con le opere rinascimentali presenti sul territorio.

Il curatore Vittorio Sgarbi: «Rinascimento segreto è una mostra difficile. C’è una complessità di ricerca sia delle opere che degli autori che rende questa mostra di livello sofisticato. Accanto a Raffaello e Perugino, si possono ammirare tanti artisti che ancora si muovono nell’anonimato, conquiste della ricerca critica recente o artisti pur conclamati ma ancora oggetto di studio. Tutte le scuole del Rinascimento italiano sono raccolte nella mostra di Urbino, il settore veneziano è ospitato a Pesaro, connesso alla grande Pala del Bellini. Nella sezione di Fano, con riferimento alla grande tradizione romana, si mostrano le sculture, che raccontano meglio il collegamento con l’arte plastica del mondo antico, insieme a ceramiche ed oreficeria. Questo Rinascimento segreto, nel suo percorso d’insieme, diventa così per il visitatore un Rinascimento rivelato». Read more

Urbino – Appuntamento con la “Scherma medioevale”

Scherma medioevaleURBINO – “Scherma Medievale nella Città Ideale – 3° edizione“. La manifestazione si terrà al Palazzetto dello Sport “Palamondolce” dal 29 aprile al 1 maggio. Domenica 30 aprile si terrà la tappa del Campionato Nazionale HEMA CSEN di scherma storica. L’ingresso per il pubblico è gratuito.

Anche quest’anno, la ASD Sala d’Arme Aquila Gladiatrix, organizza Scherma Medievale nella Città Ideale. Diventato ormai un appuntamento fisso nel calendario degli eventi dedicati agli appassionati di Schema Storica/HEMA in Italia, la manifestazione quest’anno durerà ben 3 giorni. Il sabato pomeriggio è dedicato alla riscoperta dell’arte medievale e rinascimentale di Urbino, una visita guidata per conoscere tutte le meraviglie della nostra città. Domenica si svolgerà il Torneo di spada a due mani basic (con simulacri sintetici Black Fencer) per atleti con un massimo di 2 anni di esperienza, un torneo di spada a due mani (maschile e femminile) e un torneo di spada e brocchiero open (entrambi con spade in acciaio). Lunedì 1 maggio è dedicato invece alla didattica: alcuni Istruttori provenienti dalle migliori Sale d’Arme del Paese terranno seminari sull’uso della spada a due mani e sull’uso di spada e brocchiero.

Per maggiori info: www.aquilagladiatrix.it

Urbino- Premio Eleanor Worthington: il 5 maggio

Premio Eleanor WortingtonPremiazione della nona edizione del Premio in ricordo di Eleanor Worthington riservato a studenti dei licei artistici, sul tema “DISABILITA’ E ACCESSIBILITA’. L’amicizia”.

La premiazione avrà luogo venerdì 5 maggio alle ore 10.00, nel Collegio Raffaello (Piazza della Repubblica),  dove da martedì 2 maggio sarà aperta la mostra di tutti gli elaborati, curata da Nunzia Invernizzi, direttore artistico del Premio (orario 10.00-13.00).  Sono stati presentati  lavori da licei artistici di cinque città della regione Marche (Urbino, Pesaro, Fano, Fermo, Fabriano) e anche, per la prima volta, dall’ Abruzzo (Pescara).  Inoltre, il liceo artistico di Macerata, zona molto provata dal terremoto 2016, ha voluto inviare lavori fuori concorso,  perché  il disagio subito da alunni, insegnanti e strutture non ha permesso di completare le opere.

Verrà assegnato un premio speciale, scelto dal pubblico,  e quest’anno la votazione è aperta anche online, tramite la pagina Facebook del premio.

 

 

Urbino – “Le stimmate di Manganelli” di Vittorio Sgarbi

ManganelliURBINO 13 APRILE  – 30 GIUGNO 2017

Casa della Poesia e Collegio Raffaello

Manganelli Finxit. Arte come menzogna

Documenti, opere, inediti

 

Le stimmate di Manganelli

di Vittorio Sgarbi

Manganelli io lo conobbi a Milano in via Cino del Duca, a pochi passi da San Babila, nel 1982. Fu  nella casa editrice Franco Maria Ricci, al tempo della fondazione della rivista FMR. Manganelli era una delle grandi firme che passavano occasionalmente in redazione, con diverse cadenze: Borges in circostanze eccezionali; Umberto Eco,ogni tanto; Italo Calvino nei suoi passaggi milanesi; Claudio Rugafiori, felpatamente; Giovanni Mariotti, giorno e notte (staccava alle 22, anche a casa Ricci, dove io dormivo); Gianni Guadalupi sempre (ma solo in ufficio). Manganelli raramente, solo di pomeriggio. Era il solo che sentivo distante, per autorevolezza e corporeità, con completi grisaglia e i pantaloni ad attaccatura alta, gli occhiali con la montatura di metallo. Era insofferente  e distaccato; per me, che avevo trent’anni meno di lui, era quasi sacro, come se avesse le stimmate, ed era difficile parlargli: era sempre indaffarato, apparentemente infastidito. Ci univano Luciano Anceschi, professore di Estetica e Eugenio Battisti, studioso ingegnoso, cavilloso e cordiale. Lo ricordo armeggiare con una borsa da ufficio, e poi rapidamente sparire. Mi rammarico di avergli parlato poco, ma era già una leggenda. Ne leggo ora, apparsi sull’Espresso e altrove, gli scritti di critica d’arte contemporanea, disciplina sfuggente e sempre fluida. Spesso noiosa. Anche qui la pagina di Manganelli sfavilla di intelligenza, soprattutto su Gastone Novelli; ma anche su artisti marginali e dimenticati, come Chiara Andreis, Alberto Martini, o assai noti come Giosetta Fioroni, Toti Scialoja, Fausto Melotti, Lucio Fontana. L’interesse per loro compensava la proverbiale antipatia (ricambiata) per Pasolini, che lo considerava un “teppista” della letteratura, come ricorda la figlia Lietta.

Nei suoi saggi di critica d’arte Manganelli rivela perfidamente la menzogna degli artisti, rendendoli parlanti e irriconoscibili, con sorprendente abilità:  egli scrive molto meglio di quanto loro dipingano. Read more

URBINO – “Rinascimento segreto”: la mostra di Vittorio Sgarbi fino al 3 settembre

Rinascimento segreto - Secret renaissance(ANSA) – URBINO / Nella storia umana e nella sua espressione attraverso l’arte non c’è probabilmente un momento più innovatore di quello che va dalla metà del Quattrocento alla metà del Cinquecento, da Piero della Francesca a Pontormo. A Firenze, Venezia, a Ferrara, nelle Marche, in Sicilia, in Sardegna, in Lombardia, gli artisti del Rinascimento si sfidano a colpi di capolavori sempre più sorprendenti, sulla scia di Piero, che alla corte del Duca di Urbino ha trasformato la pittura in pensiero, molto oltre le esigenze devozionali. A questi anni magici dell’arte mondiale è dedicata la mostra ‘Rinascimento segreto’, 70 opere fra dipinti, sculture e oggetti di proprietà di collezionisti privati e fondazioni bancarie, che dal 13 aprile al 3 settembre si possono ammirare (molte per la prima volta esposte in  pubblico), in tre città delle Marche: nel Palazzo Ducale di Urbino, a Pesaro e Fano.

La mostra è curata da Vittorio Sgarbi, che ha voluto far dialogare le opere selezionate con i tesori rinascimentali già presenti sul territorio, una regione in cui anche il paesaggio è ancora quello dipinto da Piero dietro i ritratti del Duca Federico e di Battista Sforza. Ci sono i maestri di scuola marchigiana Giacomo di Nicola da Recanati, Giovanni Antonio da Pesaro, e quelli della scuola toscana, da Piero del Pollaiolo a Benvenuto Cellini e Francesco di Giorgio Martini. Ma anche opere dei pittori veneti (Bernardino Licinio), ferraresi, emiliani e romagnoli (Giovanni Francesco da Rimini, il Bagnacavallo), e alcuni capolavori della scuola di Raffaello e Perugino. Read more

URBINO – ‘Secret Renaissance': exhibition on the most innovative periods in artistic expression

Rinascimento segreto - Secret renaissance(ANSA) –  The century spanning the mid 1400s to the mid 1500s probably represents one of the most innovative periods in artistic expression.

From Florence to Venice, Ferrara to Sicily, Sardinia to Lombardy, the artists of the Italian Renaissance followed on the heels of Piero della Francesca, who transformed painting into thought, well beyond devotional requirements, at the Duke of Urbino’s court. The exhibition ‘Secret Renaissance’ running from April 13 to September 3 is dedicated to these magical years.

Visitors can admire a total of 70 lesser artworks including paintings, sculptures and objects belonging to private collectors and banking foundations – many of which are on show for the first time – in three cities in the central Marches region: Urbino, Pesaro and Fano. The exhibition has been put together by art historian and critic Vittorio Sgarbi, who has attempted to create a dialogue between the chosen artworks and the Renaissance treasures already present in the local area. The displays include works by local Marche masters Giacomo di Nicola da Recanati and Giovanni Antonio da Pesaro, Tuscan masters Piero del Pollaiolo, Benvenuto Cellini and Francesco di Giorgio Martini and artists from Veneto, Ferrara, Emilia Romagna, as well as masterpieces from the school of Raphael and Perugino. The exhibition itinerary begins in Urbino, with the magnificent palace designed by Francesco Laurana for Duke Federico III da Montefeltro and completed by Francesco di Giorgio Martini. Read more

Urbino – “Giorgio Manganelli – Arte come menzogna”

Manganelli13 APRILE  – 30 GIUGNO 2017

Manganelli Finxit. Arte come menzogna

Primo appuntamento nella Casa della Poesia (via Valerio n.1)  e nel Collegio Raffaello (Piazza della Repubblica) per un approfondimento dedicato allo scrittore, giornalista e critico d’arte Giorgio Manganelli.

Documenti, opere, inediti.

Nella Casa della Poesia (Via Valerio n.1)  e nel Collegio Raffaello (Piazza della Repubblica) sarà presentata un’ampia selezione di materiale legato al famoso scrittore, giornalista e critico d’arte.  Opere di Nanni Balestrini, Paolo Beneforti, Paolo Della Bella, Franco Grittini, Giulia Maldini, Franco Nonnis, Gastone Novelli, Giovanna Sandri, Marisa Bello e Giuliano Spagnul.

  L’iniziativa si colloca nell’ambito del programma 2017 “In difesa della poesia”.

Inaugurazione a Urbino il 13 aprile alle 13.30, del progetto nuovo progetto culturale dedicato a Giorgio Manganelli. A cura di Vittorio Sgarbi e Lietta Manganelli.  Read more